FOTOCRONACAFERMANA

FERMO

 

 

 

Prefettura di Fermo

Ufficio Territoriale del Governo

 

 

Il Prefetto di Fermo Maria Luisa D'Alessandro pianifica la task force per Prostituzione, abusivismo e incidenti  con più controlli in vista dell’estate

 Ieri mattina riunione del Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica. Il prefetto ha chiesto ai sindaci il coinvolgimento della polizia locale

 

Il prefetto di Fermo Maria Luisa D’Alessandro ha presieduto ieri mattina una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per l’esame delle tematiche dell’ordine e sicurezza pubblica nell’approssimarsi della stagione estiva.
“Alla riunione – i dettagli forniti dalla prefettura – hanno partecipato i vertici delle forze dell’ordine, i sindaci dei Comuni di Porto Sant’Elpidio e di Porto San Giorgio, nonché l’assessore alle politiche del lavoro, alle attività economiche e commercio, viabilità e trasporti del Comune di Fermo, il comandante della sezione della Polizia stradale di Fermo e il rappresentante della Provincia. Il prefetto ha posto all’attenzione del Comitato la tematica connessa al potenziamento dei servizi di vigilanza estiva sul territorio fermano ed in particolare sui Comuni della costa.
I Comuni rivieraschi si caratterizzano per un’ampia ricettività turistica, con molti alberghi ed esercizi commerciali, attività di intrattenimento e svago e per tutto il periodo estivo aumentano fortemente le presenze fino a raggiungere una popolazione aggiuntiva, almeno pari a quella dei residenti, con incrementi maggiori in corrispondenza di particolari manifestazioni spesso concomitanti.
Vari sono stati gli argomenti trattati connessi alle problematiche come la prostituzione, l’abusivismo commerciale e l’incidentistica stradale per le quali si è convenuto di procedere all’intensificazione dell’attività di controllo del territorio, con mirate azioni coordinate durante il prossimo periodo estivo.Il prefetto ha chiesto ai sindaci il coinvolgimento della polizia locale, trovando ampia disponibilità per una condivisa e consueta attività sinergica e per dare modo agli operatori di polizia di effettuare interventi mirati e per questo più efficaci e produttivi”.