MOSTRA VIRTUALE

DEL PITTORE

PROF. ATTILIO GRANDONI

(1908-1984)

Maternità  1940

Biografia del Pittore Prof. Attilio Grandoni

(1908-1984)

 

Attilio Grandoni (1908-1984) ha compiuto i suoi studi presso l'Accademia delle Belle Arti di Roma con Umberto Coromaldi, Ferruccio Ferrazzi,( riproposto recentemente dalla critica) e Giovanni Vagnetti, maestri dell'arte figurativa( in particolare quest'ultimo legato ai principi della tradizione) come i suoi alievi e compagni di  Accademia, Corrado Cagli, Orfeo Tamburi e Alberto Ziveri, l'unico-dei tre- rimasto fedele(come Grandoni) al figurativo e ad una plasticità di tradizione secentesca. Dopo le mostre allestite precedentemente in città come: Pesaro,Ancona,Milano,Roma,Palermo  negli anni 30-45, tra insegnamento in varie scuole fermane (Istituto tecn.ind. Montani-Fermo ,scuola Media ,Istituto Magistrale, Liceo)si dedica con successo anche alla fotografia artistica ritorna alle  mostre negli anni 60 (Lido di Fermo, Porto S.Elpidio, Recanati Civitanova Marche, Porto San Giorgio, Montegranaro, Fermo- 71-81, alla"Marguttiana" di Macerata, al 1° Festival del Mare Fermo- Porto San Giorgio, va segnata la grande retrospettiva tenutasi al Palazzo dei Priori di Fermo nel 1991 e alla recente in ordine di data organizzata dall'amministrazione comunale di Porto San Giorgio nell'Agosto del 1999

Tra i vari riconoscimenti,vanno segnalate le due targhe conferitegli dal Comune di Fermo,nel 75,e nell' 81,per la sua attività artistica.

Le opere di Attilio Grandoni per lo piu' in collezioni private e straniere e alcune tele,con soggetti ecclesiastici,in qualche chiesa.

Attilio Grandoni con  una sua opera , Roma a San Lorenzo  1934

Anno scritto di lui

....nei paesaggi e nelle figure dove la delicatezza delle forme si spande sulle tristi espressioni dell'umano travaglio intimo che soltanto  la ricerca può scoprire in immagini.

Una ricerca di verità?si',che si fonde in un soggetto ideale,in una passione classica e pacata.

                (Il Resto deCarlino)

....sembra che l'artista abbia trovato la montaliana formula che"mondo possa aprirci" in una eterna illusione di vita,in un credo capace di drammatici interrogativi,in una finzione o nascondiglio di verità.

           (La Voce delle Marche)

...dal luogo sereno della sua natia Fermo,questi"fogli"d'artista,legati in maniera straordinaria ad un racconto,quasi di fiaba,dove la ricerca di un tempo che scorre altrove ,scava nel significato ultimo delle cose.

(L'Unità)

...una potenzialità pittorica veramente eccezionale .La composizione veristicamente cruda e socialmente accusatoria risalta nelle grandi tele....opere che annunciavano la poetica che sarà di grandi registi:Visconti,Antonioni.

          ( Corriere Adriatico)

...dal calore puro,quasi un mondo divisionista,gli accostamenti felici:l'occhio li fonde in un' armonica policromia con effetti tonali sorprendenti,sempre però equilibrati.La scelta dei soggetti rivela carattere forte nella tipizzazione delle figure,accompagnata da una sensibilità e gentilezza d'animo

              ( Rai  Ancona)

...quella semplicità infantile,quel sereno amore,quel mondo di un tempo che ora riaffiora in ricordi,in personali visioni dell'"io"nascosto e perduto;in volti lontani

(Il Messaggero)  

...introdurre un discorso che la produzione di Attilio Grandoni dagli anni '30 agli anni'80,quì raccolta,ci sembra rispecchi,in quanto il suo leopardiano "modello del mondo"è la figura umana con le sue miserie,le passioni,le illusioni,i ricordi,le paure....:figure delle fortune alterne,dei miracoli,dell'impenetrabilità delle loro rughe.

      (prf. Luigi Martellini)

 

 

LE OPERE

I Diseredati 1933

IL Pazzo -1935

La Deposizione -1960

Strumenti -1950

La Cernita del pesce - anni 1930 - Bozzetto per studio

La grande cena -1961

 

Il ciabattino  1965                                                                                                               Il beone 1967

Natura morta 1970

Ritratto Arc. Attuoni

  

                                                                                              Il violino                                                                                                                       Candeliere

 

Abissino -  Roma 1930

   

Ciabatti                                          anni 1960                                          Scugnizzi

 

  

Vicolo Fermano                                                                                                 mandarini

Maternità Verticale 1932

Mungitura

Natura morta

Natura morta rame

 

Natura morta rose

 

Via fermana